The Last of Us Parte III: è Naughty Dog a decidere il futuro del franchise!

-

Naughty Dog è noto per molti franchise, i più recenti Uncharted e The Last of Us. Ebbene oggi il co-presidente Neil Druckmann ha recentemente parlato dei due titoli, osservando di essersi allontanato dal primo, lasciando la porta aperta per il secondo. In un’intervista con BuzzFeed, Druckmann ha affermato che il gioco multiplayer di The Last of Us è un’altra voce dentro al calderone in un certo senso poiché ha una nuova storia e un nuovo cast di personaggi e lo ha persino definito “un altro capitolo dell’universo“. Ma per quanto riguarda un The Last of Us Part III più appropriato, Druckmann ha parlato di come il team abbia avuto molta influenza su Sony e che non ci fosse “tutta questa pressione” per fare un seguito.

Tutto quello che posso dire è che in Naughty Dog siamo molto, molto privilegiati che il nostro editore sia Sony, il che significa che Sony finanzia i nostri giochi, ci supporta e siamo di proprietà di Sony“, ha detto. “Ci hanno supportato in ogni fase del percorso per seguire le nostre passioni, il che significa che solo perché qualcosa ha successo, le persone pensano che ci sia tutta questa pressione e che dobbiamo fare un sequel. Ma non è così.

Ha quindi utilizzato Uncharted come esempio poiché Uncharted 4: La fine di un ladro è uno dei giochi più venduti dello studio. Quel tipo di successo potrebbe imporre un sequel altrove (Lost Legacy era un gioco a sé stante, ma è iniziato come DLC, rendendolo leggermente diverso), ma non è così. Questo è ciò che ha spinto Druckmann a dire che Naughty Dog stava abbandonando quella serie. “Per noi, Uncharted ha avuto un successo folle – Uncharted 4 è stato uno dei nostri giochi più venduti – e [siamo stati] in grado di dare il tocco finale a quella storia e dire che abbiamo chiuso”, ha detto Druckmann. “Stiamo andando avanti.” Druckmann ha usato The Last of Us Part II per dimostrare il suo punto di vista. Ha spiegato che spettava al team se il sequel sarebbe accaduto o meno. Ciò in qualche modo ha confermato un commento su Reddit che ha fatto nel 2014 durante il lancio di Left Behind, in cui affermava che c’era una possibilità 50/50 che ci sarebbero state più avventure in quel mondo. Alla fine, lo sviluppatore ha escogitato una storia che voleva raccontare, quindi ha deciso di andare avanti.

“Allo stesso modo, con The Last of Us, sta a noi decidere se continuare o meno“, ha detto. “Il nostro processo è lo stesso che abbiamo fatto quando abbiamo fatto la Parte II , ovvero se riusciamo a inventare una storia avvincente che abbia questo messaggio universale e una dichiarazione sull’amore – proprio come hanno fatto il primo e il secondo gioco – allora lo diremo che abbiamo una storia da raccontare. Se non riusciamo a trovare qualcosa, abbiamo un finale molto forte con la Parte II e quella sarà la fine.

I rumors su The Last of Us Parte III sono apparse in diversi posti. Druckmann ha recentemente dichiarato che c’era “più storia da raccontare” nel mondo di The Last of Us. Ha anche confermato nell’aprile 2021 di avere uno schema per un possibile sequel, ma si è assicurato di dire che era una “storia che [Naughty Dog] non sta facendo” anche se “[sperava] che un giorno [essa] potesse vedere il luce del giorno”. Anche il futuro di Uncharted, indipendentemente dal fatto che sia con Naughty Dog o meno, è al momento incerto. Il capo progettista di gioco Robert Cogburn ha accennato a Kotaku nel 2015 prima dell’uscita di Uncharted 4 che probabilmente sarebbe stato l’ultimo capitolo per il team poiché era “stanco di rispondere allo stesso tipo di domande nella stessa fiction”.

Tuttavia, le prove più recenti non sono così definitive e, in alcuni casi, potrebbero persino indicare che altre squadre stanno prendendo il sopravvento sul Franchse. Un reclutatore di Naughty Dog ha affermato che il team stava cercando talenti che potessero creare team per “non solo nuovi titoli, ma anche per l’eredità di Uncharted“. E sebbene vago, un altro annuncio di lavoro da uno degli interni di Sony affermava che stava lavorando con Naughty Dog su un “amato franchise“. Il direttore creativo di Lost Legacy, Shaun Escayg, ha anche dichiarato a GamesRadar che lo studio ama la serie e vuole vederne di più, sottolineando che non dovremmo “mai dire mai”.

- Pubblicità -
Redazione
La redazione di Cinefilos.it è formata da un gruppo variegato di appassionati di cinema. Tra studenti, critici, giornalisti e aspiranti scrittori, il nostro gruppo cresce ogni giorno, per offrire ai lettori novità, curiosità e informazione sul mondo della settima arte.

Articoli correlati

ALTRE STORIE

The Wizards - Dark Times- Brotherhood

The Wizards – Dark Times: Brotherhood su PS VR2

Vertigo Games e Carbon Studio hanno pubblicato The Wizards - Dark Times: Brotherhood su PS VR2, dopo il lancio su Steam, Meta Quest e...