HomeSpecialiVideogiochi anni '80: i migliori titoli a cui giocare

Videogiochi anni ’80: i migliori titoli a cui giocare

-

Seguici su Twitch!

Gli anni ’80 sono stati a tutti gli effetti un periodo molto fertile per i videogiochi. Chi non ha mai fatto almeno una partita a Tetris o schiacciato dei funghetti con Super Mario? Questi sono solo due dei migliori videogiochi degli anni 80 che si sono diffusi in questo decennio magico e che ancora oggi continuano a far sognare i videogiocatori di tutto il mondo. Di seguito si è provato ad elencare i videogiochi migliori degli anni ’80, citando alcune pietre miliari di questa forma di intrattenimento sempre più ricca e amata, e accostando ad esse dei nomi che faranno riscoprire perle nascoste. Di seguito tutti i migliori videogame anni 80 secondo Gamesplus!

Videogiochi anni ’80: una lista dei migliori titoli a cui giocare

I primi videogiochi nacquero tra gli anni ’50 e ’60, ma si trattava di giochi non commerciali, spesso limitati agli ambienti universitari. Tra questi, Spacewar!, installato su un elaboratore DEC PDP-1, il quale fu studiato e migliorato da molti studenti ed ebbe un ruolo fondamentale nell’apprendimento delle basi per progettare un videogioco. L’età d’oro dei primi videogiochi fu poi tra la fine degli anni Settanta e gli anni Ottanta. Durante questo periodo presero infatti forma molti dei più celebri videogiochi di sempre, i quali sono ancora oggi presenti sotto forme e con modalità sempre nuove.

Videogiochi anni ’80 arcade da bar, sala giochi e online

- Pubblicità -

Pac-ManUn videogioco arcade è una tipologia di giochi che si possono fruire in una postazione pubblica apposita a gettoni o a monete, costituita fisicamente da una macchina posta all’interno di un cabinato. L’inglese arcade significa in questo caso prorpio sala giochi, ma titoli appartenenti a questo tipo si potevano ritrovare anche nei bar dotati di apposite apparecchiature. Gli arcade rappresentarono la prima generazione di videogiochi di largo consumo, e il primo contatto del pubblico con questa nuova forma di intrattenimento. Con l’avvento di internet, i videogiochi arcade sono però divenuti disponibili gratuitamente anche online. Ecco di seguito i titoli più celebri.

  • Pac-Man è un franchise di videogiochi giapponese pubblicato, sviluppato e di proprietà di Bandai Namco Entertainment. La maggior parte dei giochi di Pac-Man sono giochi di inseguimento nel labirinto, tuttavia nel tempo ha anche approfondito altri generi, come platform, corse e sport. Pac-Man è uno dei franchise di videogiochi più longevi, più venduti e con il maggior incasso della storia. Il franchise è considerato importante e influente ed è spesso usato come rappresentazione della cultura popolare e dei videogiochi degli anni ’80 nel loro insieme.
  • Tetris è un videogioco puzzle creato dall’ingegnere del software sovietico Alexey Pajitnov nel 1984. I giocatori devono completare le linee muovendo pezzi di forma diversa (tetromini), che scendono sul campo di gioco. Le linee completate scompaiono e concedono punti al giocatore, che può procedere a riempire gli spazi lasciati liberi. Il gioco finisce quando il campo di gioco è pieno. Più a lungo il giocatore ritarda questo risultato, più alto sarà il suo punteggio.
  • Bubble Bobble è un gioco arcade platform del 1986 sviluppato e pubblicato da Taito. È stato distribuito negli Stati Uniti da Romstar e in Europa da Electrocoin. I giocatori controllano Bub e Bob, due draghi che hanno deciso di salvare le loro amiche da un mondo noto come la Grotta dei Mostri. In ogni livello, Bub e Bob devono sconfiggere ogni nemico presente intrappolandolo in bolle e facendo scoppiare, che si trasformano in oggetti bonus quando toccano terra. Ci sono 100 livelli in totale, ognuno dei quali diventa progressivamente più difficile.
  • Dragon’s Lair è un videogioco LaserDisc con film interattivo sviluppato da Advanced Microcomputer Systems e pubblicato da Cinematronics nel 1983, come primo gioco della serie Dragon’s Lair.  Nel gioco, il protagonista Dirk the Daring è un cavaliere che tenta di salvare la principessa Daphne dal drago malvagio Singe che ha rinchiuso la principessa nel castello del malvagio mago Mordroc.
  • Donkey Kong è una serie di videogiochi creata da Shigeru Miyamoto. Segue le avventure di una scimmia di nome Donkey Kong e del suo clan di altre scimmie. Il franchise consiste principalmente in giochi di piattaforma, originariamente giochi di puzzle d’azione a schermo singolo e successivamente platform a scorrimento laterale. Il primo gioco è stato il gioco arcade del 1981 Donkey Kong, con l’omonimo personaggio come principale antagonista in un’ambientazione metropolitana.
  • Frogger  è un gioco d’azione arcade del 1981 sviluppato da Konami e prodotto da Sega. In Nord America, è stato rilasciato da Sega/Gremlin. Lo scopo del gioco è dirigere le rane alle loro case una per una attraversando una strada trafficata e navigando in un fiume pieno di pericoli. Frogger è stato accolto positivamente come uno dei più grandi videogiochi mai realizzati e seguito da numerosi cloni e sequel.
  • Super Mario Bros. è un gioco platform sviluppato e pubblicato da Nintendo. Successore del gioco arcade del 1983 Mario Bros. nonché il primo della serie Super Mario, i giocatori controllano qui Mario o suo fratello Luigi nella modalità multiplayer, mentre viaggiano nel Regno dei Funghi per salvare la Principessa Toadstool da Bowser. Attraversano livelli a scorrimento laterale evitando pericoli come nemici e pozzi con l’aiuto di power-up come Super Mushroom, Fire Flower e Starman.
  • Arkanoid è un gioco arcade block breaker del 1986 sviluppato e pubblicato da Taito. In Nord America, è stato pubblicato da Romstar. Controllando un’imbarcazione simile a una pagaia nota come Vaus, il giocatore ha il compito di liberare una formazione di blocchi colorati deviando una palla verso di essa senza lasciare che la palla lasci il bordo inferiore del campo di gioco.
  • Q*bert è un gioco arcade sviluppato e pubblicato per il mercato nordamericano da Gottlieb nel 1982. È un gioco d’azione 2D con elementi puzzle che utilizza una grafica isometrica per creare un effetto pseudo-3D. L’obiettivo di ogni livello del gioco è cambiare ogni cubo in una piramide in un colore target facendo saltare Q*bert, il personaggio sullo schermo, in cima al cubo evitando ostacoli e nemici. I giocatori usano un joystick per controllare il personaggio.
  • Defender è un videogioco sparatutto a scorrimento sviluppato da Williams Electronics nel 1980 e pubblicato per le sale giochi nel 1981. Il gioco è ambientato su un pianeta o una città senza nome (a seconda della piattaforma) dove il giocatore deve sconfiggere ondate di invasione alieni proteggendo gli astronauti. Defender è stato uno dei titoli più importanti dell’età d’oro dei videogiochi arcade, vendendo oltre 55.000 unità per diventare il gioco più venduto dell’azienda e uno dei giochi arcade con il maggior incasso di sempre.
  • Out Run è un videogioco di guida arcade pubblicato da Sega nel settembre 1986. È noto per il suo hardware e la sua grafica all’avanguardia, il gameplay non lineare, una colonna sonora selezionabile con musica composta da Hiroshi Kawaguchi e l’idraulica simulatore di movimento cabina arcade deluxe. L’obiettivo è evitare il traffico e raggiungere una delle cinque destinazioni. Il gioco è stato un successo di critica e pubblico, diventando il gioco arcade con il maggior incasso del 1987 in tutto il mondo.
  • SimCity è una serie di videogiochi a tempo indeterminato per la costruzione di città originariamente progettata da Will Wright. Il primo gioco della serie, SimCity, è stato pubblicato da Maxis nel 1989 e ha dato il via alla creazione di numerosi sequel e molti altri titoli “Sim” spin-off, tra cui The Sims del 2000, che a sua volta è diventato un gioco per computer e un franchise più venduti.
  • Mortal Kombat è una serie di videogiochi picchiaduro a incontri creata nel 1992 da Ed Boon e John Tobias per Midway Games che ha creato diversi seguiti per le console, computer e arcade. Il gioco si concentra su diversi personaggi di varie intenzioni che entrano in un torneo di arti marziali e si sfidano per vincerlo. È considerato uno dei più grandi videogiochi di tutti i tempi dalla critica e dal pubblico e rimane uno dei giochi di combattimento più popolari nella storia del genere.

Console portatili per videogiochi anni ’80

Dagli anni ottanta molte industrie si avvicendano nella produzione di console sempre più potenti e capaci di eseguire programmi di grande complessità. Complice anche l’enorme diffusione dei computer casalinghi, diverse aziende come Atari, SEGA e Nintendo diventano protagoniste della diffusione delle console. Si ritiene quindi che la prima vera console portatile sia stata il Microvision, poiché era un apparecchio programmabile tramite cartucce vendute a parte ed era di forma tale da consentire di essere tenuto in mano durante l’azione di gioco. Progettato e costruito da Smith Engineering e distribuito da Milton-Bradley nel 1979, non era una console basata su microprocessore, e le sue cartucce erano dotate di un piccolo schermo integrato.

A causa di una ridotta selezione di giochi (solo tredici) e di un cattivo sistema dei controlli il progetto è naufragato soltanto due anni più tardi. Dopo l’esperimento del Microvision, per le esigenze di gioco in movimento rimanevano i già diffusi giochi elettronici tascabili, come ad esempio i Game & Watch della Nintendo, che però essendo basati sulla stessa tecnologia dei tabletop avevano lo svantaggio di non essere programmabili. Dieci anni dopo, nel 1989, la Nintendo realizzò il Game Boy, che fu un grande passo in avanti nella categoria ed ebbe ben presto un notevole successo commerciale. Nel 1989 fu anche lanciato l’Atari Lynx, la prima console portatile a colori, con un display retroilluminato e con la possibilità di connessione all’Atari Jaguar, mentre l’anno successivo il Game Gear, anche quest’ultimo dotato di monitor a colori. 

- Pubblicità -
Redazione
La redazione di Cinefilos.it è formata da un gruppo variegato di appassionati di cinema. Tra studenti, critici, giornalisti e aspiranti scrittori, il nostro gruppo cresce ogni giorno, per offrire ai lettori novità, curiosità e informazione sul mondo della settima arte.

Articoli correlati

- Pubblicità -

ALTRE STORIE

multiversus open beta

Multiversus, la prova dell’open beta

Tante botte da orbi con un tocco di malsana follia: sono queste le premesse di Multiversus, provato in versione open beta. Warner Bros Games...
- Pubblicità -