Just Cause 3 recensione

Probabilmente a sentire le parole “gioco open-world in terza persona” vi tornano in mente svariati titoli usciti in questo 2015, a partire da Assassin’s Creed Syndicate per finire addirittura a Fallout 4, che come saprete non è solo first-person. Se però stringiamo il campo e diciamo “gioco open-world in terza persona in cui si può e si deve far esplodere qualsiasi cosa”, la vostra risposta può soltanto essere secca e decisa: Just Cause 3. Dopo la buona prova di Mad Max, che nella nostra recensione avevamo apprezzato pur riconoscendone i limiti, gli Avalanche Studios tornano alla carica con il terzo capitolo della saga Just Cause più “caciarona” che esista, a ben cinque anni di distanza da Just Cause 2.

La storia di Just Cause 3

Ambientato questa volta nel Mar Mediterraneo, all’interno di un arcipelago di finzione chiamato Medici, il titolo vede tornare sulle scene il belloccio Rico Rodriguez, chiamato a gran voce dai ribelli del luogo per un disperato bisogno di aiuto. Il dittatore Sebastiano Di Ravello gestisce un regno di terrore fatto di basi militari, altoparlanti che vomitano propaganda 24 ore al giorno, veicoli corazzati di terra, di aria e di mare. Ciò che andremo a fare, nei panni del protagonista s’intende, sarà andare a colpire i nervi scoperti della dittatura distruggendo centrali elettriche, riserve di gas e roccaforti, per indebolire sensibilmente l’esercito avversario e lasciare campo libero alle forze rivoluzionarie, pronte a prendere in consegna i luoghi espugnati. Questo almeno è ciò che possiamo fare in modalità free roaming, fra una missione principale e l’altra.

Just Cause 3_20151205223659La storia, come potete ben intuire, non è certo il punto forte della produzione, al contrario sembra più una vetrina che altro. Nonostante ci si appassioni dopo poche ore di gioco, le semplici linee di trama sembrano comunque il pretesto per farci esplorare pian piano tutte le meccaniche di gameplay possibili. Dal navigare in barca all’assaltare un elicottero, dal sequestrare un carro armato al cavalcare una testata missilistica (si esatto, avete letto bene, cavalcherete un missile), affiancati da compagni di viaggio dal piglio ironico, che finiscono però per risultare più fastidiosi che altro. Da questo punto di vista gli sviluppatori non hanno certo peccato di fantasia, forti anche dei nuovi dispositivi che hanno fornito all’eroe dell’avventura. Per chi ancora avesse dei dubbi, stiamo chiaramente parlando di una saga interamente arcade, nella quale succedono cose al limite dell’impossibile; consci di questo, i ragazzi di Avalanche hanno ideato un rampino super veloce utile a raggiungere in men che non si dica qualsiasi oggetto o superficie.

Just Cause 3_20151205230610Non solo, può servire anche a legare e unire due elementi, come ad esempio un traliccio energetico e un barile esplosivo, con risultati del tutto prevedibili. Vedrete dunque il vostro alter ego schizzare da una parte all’altra dell’ambientazione, aiutato da un paracadute sempre in tensione, attivabile all’infinito, e una tuta alare a dir poco spettacolare. È grazie a queste tre feature che il gameplay di Just Cause 3 risulta incredibilmente dinamico, ogni mossa o azione diventa fattibile, conquistare punti di vantaggio, veicoli in movimento o fuggire da una brutta situazione sarà un gioco da ragazzi delle scuole medie. Sempre che i controlli non vi mettano i bastoni fra le ruote, sia chiaro. (Nel video in basso vi mostriamo non solo l’uso del paracadute, per sfuggire alla morte che invece ha colto lo sporco informatore con noi nel veicolo, anche la capacità del titolo di creare alcuni momenti decisamente poetici, uno stacco dalla frenesia e dalla violenza).

La giocabilità di Just Cause 3

Con la questione “controllo” dobbiamo infatti aprire il capitolo dei dolori: muovere l’indistruttibile Rico Rodriguez vi darà più di una noia, con il rampino potete raggiungere qualsiasi posto o altura, ma allo stesso tempo può capitarvi di non riuscire a superare piccoli ostacoli con il semplice salto. Non è difficile poi incastrarsi negli edifici o rimanere appesi alle pareti come baccalà lasciati a seccare, basta sbagliare – anche di poco – il punto in cui lanciate l’estremità del vostro fedele amico rampino. A bordo dei veicoli la situazione non cambia, forse addirittura peggiora. La giocabilità dei veicoli è strana, con una fisica tutta sua, in alcuni casi si percepisce quasi un lag fra il comando e la risposta dello sterzo; sarà una vera sfida tenere la vostra auto o la vostra moto in carreggiata, per così dire. Tutto migliora gradualmente prendendo confidenza con il sistema di gioco, ma qualcosa continuerà a non convincervi anche successivamente, soprattutto su console. (Nel video in basso un esempio di “fisica tutta sua”, guardate come esplode l’auto che abbiamo urtato…)

Se su un PC ben carrozzato il titolo di Avalanche riesce a tenere i 60fps più o meno stabili (più realisticamente fra i 45 e 60 frame), su Ps4 e Xbox One la situazione attuale, a pochi giorni dall’uscita, è decisamente drammatica. I 30 frame per secondo sono tutt’altro che stabili, i cali non solo sono vistosi, ma in situazioni concitate come un attacco a una base militare, in cui entrano in gioco decine e decine di elementi in mezzo alle esplosioni, si scende addirittura a 10/12, giocando praticamente a scatti. Una situazione obiettivamente inaccettabile che distrugge l’esperienza dell’utente e annoia non poco, anche perché non parliamo di Animal Crossing ma di un gioco veloce in cui tutto deve esplodere come si deve.

Just Cause 3_20151208121620

Il buon lavoro di ottimizzazione svolto con Mad Max sembra lontano anni luce, ma è anche vero che le meccaniche questa volta sono molto più dinamiche e la mappa di gioco più complessa. Per camminare – letteralmente – il mondo disponibile da parte a parte occorrono circa 9 ore, dunque la sua grandezza è più che accettabile; al suo interno troviamo montagne, campi coltivati, spiagge, piccoli paesini e basi militarizzate, non il deserto post-apocalittico del folle Max. A vedere le texture degli edifici, la qualità dei volti e di alcuni veicoli ci si aspettava però sicuramente di più, dal comparto grafico in generale, come ad esempio ha fatto Ubisoft con mappe anche più complesse nell’ultimo Assassin’s Creed Syndicate. Ci si scontra inoltre con un effetto blur usato per camuffare i movimenti di camera più repentini e meno definiti (sempre su console) e un odioso pop-in degli elementi a schermo. Anche la varietà delle isole poteva essere arricchita, resa meno monotona, discorso identico per la colonna sonora che ripropone continuamente gli stessi brani originali, caratteristica che alla lunga stanca non poco.

Just Cause 3_20151204182624Sul piano tecnico vince su tutta la linea soltanto la qualità sonora, l’effettistica infatti risulta di ottima fattura, curata all’estremo. Affiancando al gioco un buon impianto audio, o delle buone cuffie, a ogni esplosione sentirete la casa cadervi addosso, grazie alle magnifiche frequenze basse riprodotte in maniera perfetta. Solo in situazioni davvero estreme, come il collasso totale di torri e impianti sulla vostra testa con decine di esplosioni simultanee (succede anche questo), il sistema di equalizzazione va in tilt e il suono finisce per distorcersi, ma è raro che accada. Escluso dunque l’audio, che eccelle, e la stabilità, da rivedere completamente, la sensazione generale è che la tecnica di Just Cause 3 sia un passo avanti alla sufficienza, ma non oltre. La poca varietà del gameplay, che ci porta a fare e rifare azioni del tutto simili in continuazione, poi non aiuta.

Just Cause 3_20151205194259

Oltre a seguire la storia principale e le postazioni da conquistare, si può semplicemente vagare in modalità esplorativa, salvare i numerosi veicoli del mondo di gioco nei garage, portare a termine quest secondarie non troppo accattivanti, partecipare a sfide per sbloccare mod varie ed eventuali. Anche le sfide si suddividono in principali e secondarie, le prime sono semplicemente gare a tempo con veicoli e modalità di diversa natura, le seconde sono online e sono rappresentate da piccole statistiche dall’importanza marginale. Queste ultime mettono in guerra tutti i giocatori, senza volerlo ognuno sfida chiunque, in un sistema di vittorie e sconfitte che non appassiona più di tanto. Al contrario risulta anche invadente, per poter gareggiare occorre essere continuamente online, quando il sistema perde il segnale o i server non rispondono, una schermata di connessione vi blocca temporaneamente il gioco, una scelta da parte degli sviluppatori azzardata per non dire folle.

Just Cause 3_20151204184044Che Avalanche abbia voluto strafare, senza averne il tempo e la forza? È probabile, di certo Just Cause 3 resta un titolo onesto, comunque da provare. Gli amanti degli open world apprezzeranno la grande libertà offerta, sia per quanto riguarda ciò che possiamo far fare al nostro personaggio, sia per tutte le quest a disposizione. Ripetitive, forse, ma in buon numero, capaci di tenere il giocatore incollato al gamepad per parecchie ore. Risolvere i problemi di stabilità sulle console aiuterebbe certo a rendere migliore l’esperienza generale, ma con un po’ di pazienza si può giocare anche nelle condizioni attuali; potendo scegliere ovviamente la versione PC resta la migliore fra le tre disponibili, overall. Insomma, è ancora una volta PC Master Race…

RASSEGNA PANORAMICA
Grafica
7
Sceneggiatura
7
Gameplay
7
Controllo
6.5
Longevità
7.5
Articolo precedenteBethesda Game Studios: nuovo studio di sviluppo a Montreal
Articolo successivo77.000 account Steam hackerati ogni mese, Valve intensifica la sicurezza
just-cause-3-la-recensione-a-cavallo-di-un-missile-senza-controlloNonostante qualche piccolo grande problema tecnico, Just Cause 3 resta un titolo onesto, comunque da provare. Gli amanti degli open world apprezzeranno la grande libertà offerta, sia per quanto riguarda ciò che possiamo far fare al nostro personaggio, sia per tutte le quest a disposizione.