Il 22 novembre è vicino per cui cominciamo ad entrare nel vivo di Sniper Ghost Warrior Contracts dando un’occhiata approfondita al gameplay. CI Games, come già anticipato nel nostro precedente articolo, decide di abbandonare la logica delle missioni storia a favore di quella dei contratti. Il risultato è quello di una gameplay in stile sandbox. Il vostro compito non sarà solamente quello di fare i tiratori scelti. Questa volta vi viene chiesto anche di sporcarvi le mani sul campo.

Il video gameplay che segue vi mostrerà uno dei 22 contratti presenti in Sniper Ghost Warrior Contracts. Buona visione.

Guardando solo il primo minuto di questo video, ambientato nel porto di Kolchak, avete già capito che cosa intendevamo prima con lo sporcarsi le mani sul campo. Un headshot a pochi metri di distanza non è proprio un lavoro da sniper. Dopo la pistola si passa, addirittura, al coltello. Scordatevi i paragoni con Sniper Ghost Warrior 3. Siamo su un livello completamente diverso.

Come notate nel video gameplay, la furtività è molto importante in Sniper Ghost Warrior Contracts. Muovendovi dietro le linee nemiche, in cerca di un buon punto di osservazione per poter sniperare, è facile trovare dietro l’angolo un nemico in pattuglia.

sniper ghost warrior contracts gameplay

Anche se stiamo parlando di gameplay, una piccola menzione speciale la merita sicuramente il comparto grafico. Apprezzabile, nei fotogrammi del video precedente, la qualità grafica e il colpo d’occhio dello scenario di gioco con il tramonto sullo sfondo.

Altra grande novità, è la nuova maschera indossata dal nostro protagonista, che permette una scansione completa dell’ambiente circostante. Oltre a individuare i nemici, permette di tracciare anche le traiettorie dei cecchini avversari. La maschera lavora a stretto contatto con il binocolo, in modo da avere una visione completa dello scenario di battaglia.

Ultima menzione degna di nota è rappresentata dal mirino dinamico reticolare. Questo fornisce la traiettoria dei proiettili, la distanza esatta del bersaglio, l’intensità del vento e l’altezza rispetto al vostro obiettivo. Tutto queste informazioni non vengono fornite a casa. Un cecchino deve considerare tutte queste variabili per mettere a segno il colpo perfetto.